Agenpress – “Basta con gli attacchi, abbiamo troppo da fare per dare soddisfazione a chi vuole che il governo salti.  I reati quest’anno sono diminuiti del 15%. Nel dettaglio: rapine -20%, furti -15%, estorsioni -16%, omicidi -12%, tentati omicidi -16%, violenze sessuali -32%. Ah, dimenticavo: sbarchi, -91%. Io mi auguro che tutti i ministri portino il mio stesso fatturato positivo”.

Lo dice il vicepremier e segretario della Lega Matteo Salvini, intervistato dal Corriere della Sera.  “Non esiste una maggioranza alternativa” ma  basta con gli attacchi” del M5S, attacchi su cui “temo che abbiano influito i sondaggi e le Regionali. Noi abbiamo vinto dappertutto, ma quelle sono elezioni locali”.

Abbiamo fatto tante cose. “Per dire, l’obiettivo non è quota 100, è quota 41: se hai lavorato per 41 anni, vai in pensione. E poi la riforma della giustizia, della scuola, l’autonomia, la riforma fiscale”.

“Se mi criticano Berlusconi, Di Maio e Zingaretti vuol dire che diamo fastidio a tutti. Siamo nel 2019, esiste la tecnologia. Ma poi, ci fosse un aumento dei reati capirei la critica. Ma così… Nel secondo decreto sicurezza, quello che a Di Maio non piace e non so il perché, si aggiungono 800 uomini per cercare di eseguire le 12mila sentenze fin qui non eseguite per mancanza di personale».

Salvini dice di essere “un uomo di parola. Alcuni provvedimenti approvati da questo governo non sono affatto nel dna della Lega. Pensi al reddito di cittadinanza: vedo tra l’altro che ha aumentato le separazioni e i divorzi, che ci sono persone che fanno acquisti strani… Ma va bene: si controllerà. Però, sulle autonomie io ho dato la mia parola e la mia parola vale. E poi non capisco, mi parlano di sanità di serie A e di serie B. Il fatto è che oggi è così. Noi siamo convinti che l’autonomia sia il rimedio. Ma non c’è solo quello: dicono no immotivati al decreto sicurezza, no alla flat tax. Tanti no in sintonia con Renzi».

Su un’ eventuale riunione politica prima del Cdm di lunedì prossimo, “io sono a disposizione però nessuno mi ha chiamato, non è che sia io a non volermi riunire”, rileva il capo della Lega. Parlando delle clausole e del possibile aumento dell’Iva, il vicepremier e ministro dell’Interno ribadisce la propria posizione sullo sforamento dei vincoli europei. “Questi sono i vincoli fiscali superati, vecchi e senza senso imposti dall’Ue. Il punto non è la copertura. Per esempio: io ho proposto la detraibilità del 100% delle auto aziendali. Mi dicono che lo stato incassa 500 milioni di meno. Ma se vendi molte auto in più, lo Stato incassa 600 milioni”.

“Tra il dire ‘me ne frego’ dei vincoli e il dire ‘non faccio niente’, perché questa è l’alternativa, io sceglierò di fregarmene. E se vinceremo, la prima direttiva da cambiare sarà quella sulle banche”.

Guardando all’Ue, “sabato a Milano ci saranno sul palco della Lega le delegazioni di 12 partiti stranieri. Stiamo creando un’alleanza che non c’era mai stata. E con Orbán e i polacchi stiamo ragionando”, dichiara Salvini. A una domanda su Benito Mussolini, “il mio è un giudizio storico decisamente negativo, come riguardo a tutti i regimi che cadono nella violenza, che incarcerano le idee e le persone”, afferma Salvini. “Poi, negare le opere, le bonifiche, le grandi stazioni secondo me non ha senso: è negare un fatto storico”.

L’articolo Salvini avverte Di Maio: “basta attacchi. Abbiamo troppo fare. Non esiste alternativa” proviene da Agenpress.



Source link