Agenpress – I dati forniti dal Rapporto Ue sulle acque balneabili 2018 della Commissione europea e dell’Agenzia Ue per l’ambiente (Eea) – dichiara in una nota il Presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – evidenziano un Paese d’eccezione per la grande qualità di alcuni bacini, ma anche la sua maglia nera per l’inquinamento di altri 89.

Questo dualismo – continua Tiso – pone in risalto la mancanza di una coerenza all’interno delle politiche ambientali e per la tutela del paesaggio; ma anche l’assenza di una strategia complessiva.

L’Italia – prosegue Tiso – ha bisogno di creare nuovi modelli di crescita fondati sulle sue tipicità e sui suoi patrimoni, infatti solo tenendo insieme questi due aspetti si possono proporre delle alternative ai paradigmi socio-economici attuali e, tra l’altro, alla base delle crisi di questi anni.

Come Confeuro siamo assolutamente convinti della necessità di salvaguardare l’ambiente per proteggere l’agricoltura; ed è per questa ragione che già in passato proponemmo l’unione di questi due ministeri. Il nostro auspicio – conclude Tiso – è che il Governo comprenda che queste due battaglie non si possono combattere dissociando l’una dall’altra e che, oggi più che mai, serve agire in maniera strategica e tempestiva.

L’articolo Acque balneabili. Confeuro. L’Italia ha due facce proviene da Agenpress.



Source link