Agenpress –  Donald Trump è pronto a fare un’offerta alla Danimarca per acquistare la Groenlandia, l’enorme isola tra il nord Atlantico e il Circolo Polare Artico, con i suoi 56 mila abitanti e lo strato di ghiaccio che si sta sciogliendo a causa del riscaldamento globale.

A riportare la notizia  è il Wall Street Journal, infatti  Trump si sarebbe informato “ripetutamente” con i suoi collaboratori – anche se “con vari gradi di serietà” – sulla possibilità che gli Usa acquistino il territorio autonomo danese. Un gioco, ma non troppo, insomma.

Secondo due persone vicine al Presidente, citate dal Wsj come fonti anonime, Trump avrebbe persino chiesto all’avvocato della Casa Bianca di esplorare l’idea. Nessun commento dallo staff di Washington, per il momento, così come dall’ambasciata danese. In settembre il tycoon si recherà a  Copenaghen in visita ufficiale. Potrebbere essere l’occasione per affrontare l’argomento e, perché no, tentare di intavolare una trattativa.

Il suo interesse sarebbe legato alle risorse naturali e all’importanza geopolitica dell’isola. A suscitare la curiosità di Trump sarebbe stato un suo collaboratore durante una cena la scorsa primavera. Questi gli avrebbe detto che la Danimarca fa fatica a finanziare il sussidio – per l’equivalente di circa 457 milioni di euro – che ogni anno invia al territorio, prima di suggerirgli che gli Usa dovrebbero comprarlo.

“Cosa ne pensate?”, avrebbe chiesto a quel punto Trump sempre secondo il Wall Street Journal: “Pensate che funzionerebbe?”. Da allora, prosegue il giornale, il presidente ha parlato della prospettiva di acquistare la Groenlandia in numerose occasioni. Alcuni suoi consiglieri si sarebbero detti favorevoli, sottolineando i vantaggi economici di una tale operazione, che inoltre – ritengono – lascerebbe un’eredità simile a quella dell’acquisto americano dell’Alaska dalla Russia nel 1867.

Grazie a un trattato tra gli Stati Uniti e la Danimarca, la Groenlandia, che tecnicamente fa parte del Nord America, è già sotto l’influenza americana: qui si trova la base militare Usa più a nord, Thule Air Base, a soli 1.200 chilometri dal Circolo polare. Ma per Trump non basta: la sua idea sarebbe quella di acquistarla, come fosse una proprietà immobiliare, per allargare la propria influenza militare e allo stesso tempo passare alla storia come il presidente americano che comprando l’immensa isola ha esteso a Nord il territorio degli Stati Uniti.

Trump non è il primo presidente che guarda con interesse alla Groenlandia: già nel 1946 Harry Truman propose alla Danimarca di comprare l’isola per 100 milioni di dollari, ma la sua offerta venne rifiutata.

L’articolo Usa. Trump vuole comprare la Groenlandia. Ci provò anche Truman, offrendo 100 mln di dollari proviene da Agenpress.



Source link