Biella. Dopo aver negato la cittadinanza a Liliana Segre, il sindaco si definisce un “cretino”

0
9


Agenpress – Il sindaco di Biella, Claudio Corradino, chiede scusa alla senatrice Segre: “Io sono stato un cretino, lo ammetto e chiedo scusa a Liliana Segre e a Ezio Greggio. Ho invitato la Segre per la Giornata della Memoria”. Poi però aggiunge: “Su questa cosa è stata fatta una speculazione indegna da parte di tutti quanti e mi dispiace. Il risultato è stato negativo, ingiustamente. Una grandissima sciocchezza che è diventata una cosa nazionale”.

“Segre non ha bisogno che arrivi il sindaco di Biella a darle la cittadinanza, è un patrimonio dell’umanità e le chiedo ancora scusa. L’ho invitata anche a Biella per la Giornata della Memoria e non c’è nulla contro di lei”.

“Fosse stato per me avrei dato la cittadinanza” onoraria della città di Biella “a Liliana Segre, fosse per me le darei tutti i riconoscimenti del mondo”,  ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, durante la presentazione del nuovo libro di Bruno Vespa.

“Finalmente le scuse del sindaco di Biella. Meglio tardi che mai. Venga anche lui il 10 dicembre a Milano alla manifestazione dei sindaci contro odio e razzismo con Liliana Segre”,ha scritto su twitter Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente di Autonomie locali italiane.

 

L’articolo Biella. Dopo aver negato la cittadinanza a Liliana Segre, il sindaco si definisce un “cretino” proviene da Agenpress.



Source link

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui