L’opinione di Roberto Napoletano. Ultima chiamata

0
25


Si è rotto il treno dell’Europa: la crisi della locomotiva tedesca aumenta gli egoismi nazionali


Agenpress. Facciamo i conti con la fine del riformismo italiano e non abbiamo coscienza fino in fondo dove propaganda e incompetenza possono condurci. Non vogliamo vedere che tutta l’Europa è percorsa da una crisi politica, con una trasversale lacerazione sovranista, ma noi a differenza degli altri uniamo alla crisi politica una persistente crisi economica. Non può essere un caso che gli unici due territori europei che non hanno raggiunto i livelli pre-crisi sono il Nord e il Sud dell’Italia.

Nell’immediato dopoguerra e nel primo centrosinistra la politica ebbe il suo momento creativo, si misurò con la forte opposizione dei ceti conservatori – compresa una parte del capitalismo privato – che spararono a zero sul ruolo dello Stato in economia e temevano che i salari pubblici presumibilmente più generosi finissero con l’influenzare quelli privati. Successe anche questo, ma prima ancora accadde che un’economia agricola di secondo livello si trasformò in un’economia industrializzata e poi in una potenza economica mondiale.

Per leggere la versione  integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/nazionale/editoriali/2019/12/07/leditoriale-del-direttore-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-ultima-chiamata

L’articolo L’opinione di Roberto Napoletano. Ultima chiamata proviene da Agenpress.



Source link

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui