Bimbo di due anni morto per hashish. Aldrovandi: “Gravissime negligenze da parte degli adulti “

Date:

Share post:


AgenPress. «Morire a due anni per droga. Sembra assurdo eppure è accaduto. Questa è la tragica fine del piccolo Nicolò, nel cui sangue è stata trovata una quantità di hashish sufficiente a ucciderlo dopo giorni di agonia in ospedale, e nei capelli tracce di eroina e cocaina.

Il padre, cui il bambino era affidato il giorno in cui si è sentito male, aveva detto che Nicolò aveva ingerito qualcosa trovato in un parco, e che in seguito si era sentito male. In realtà pare chiaro che i fatti non si sono svolti in questo modo. L’uomo si è sottratto al test del capello disposto dalla Procura presentandosi come la testa rasata il giorno dell’esame, e sul comodino di fianco al letto del bimbo è stato recuperato dai Carabinieri un panetto di hashish.

Non sono state assunte misure restrittive della libertà nei confronti dell’uomo, inizialmente indagato per omessa vigilanza e ora per omicidio colposo, ma è evidente che qui si è di fronte a una situazione di grave incuria nei confronti di un bambino che, evidentemente, viveva in una famiglia incapace di prendersi cura di lui. Così come il caso del bambino di due anni del vicentino ricoverato in ospedale per avere ingerito hashish, e per cui è indagato il padre per lesioni colpose».

Lo ha dichiarato l’avvocato Elisabetta Aldrovandi, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime.

«L’assunzione di droga, di qualsiasi droga, è assolutamente pericolosa non solo – continua Aldrovandi – per se stessi ma anche e soprattutto per bambini costretti a vivere in contesti in cui si consuma sostanza stupefacente, poiché devono interfacciarsi con adulti alterati e con lucidità offuscata, e perché non sono in grado di rendersi conto di cosa si tratta e delle conseguenze cui vanno incontro ingerendola.

Indipendentemente dalle responsabilità che saranno accertate in sede penale, una cosa è certa: Nicolò è morto per droga. E quella droga, o qualcuno gliel’ha somministrata (penso infatti alle tracce di eroina e cocaina nei capelli), o l’ha ingerita perché qualcuno l’ha lasciata in un luogo accessibile al bambino. Ricordo infatti che il piccolo aveva solo due anni, e quindi sarebbe stato impossibile per lui accedere a cassetti chiusi a chiave o ripiani alti. La negligenza adulta è, in ogni caso, di una gravità enorme», ha concluso Elisabetta Aldrovandi, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime.

L’articolo Bimbo di due anni morto per hashish. Aldrovandi: “Gravissime negligenze da parte degli adulti “ proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...

Anzio. Grave incidente nella notte. Auto si schianta contro un albero: morte due ragazze di 21 e 22 anni

AgenPress – Due ragazze, entrambe ventenni, sono morte in un incidente stradale avvenuto questa notte ad Anzio,...

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...