Hong Kong. Cinque minori condannati a tre anni di carcere secondo la legge sicurezza di Xi Jinping

Date:

Share post:


AgenPress – Cinque adolescenti di un gruppo di Hong Kong che sostenevano l’indipendenza dal dominio cinese sono stati condannati da un giudice sabato a scontare fino a tre anni di detenzione in una struttura correzionale, per aver sollecitato una “rivoluzione armata” in un caso di sicurezza nazionale.

I cinque, alcuni dei quali erano minorenni di età compresa tra i 15 e i 18 anni al momento del presunto reato, si erano dichiarati colpevoli di “incitare altri a sovvertire il potere statale” attraverso un gruppo chiamato “Returning Valiant”.

Si tratta di Yuen Ka-him, 17 anni, Wan Chung-wai, 16, Leung Yung-wan, 17, Tseung Chau Ching-yu, 17, e Kwok Man-hei, 19, sono comparsi davanti al giudice distrettuale Kwok Wai-kin per la condanna sabato. I cinque, che erano membri del gruppo Returning Valiant, si erano precedentemente dichiarati colpevoli dell’accusa .

Il giudice Kwok Wai-kin ha spiegato in dettaglio come gli imputati avessero sostenuto una “rivoluzione sanguinosa” per rovesciare lo stato cinese nei banchi di strada e su Instagram e Facebook dopo l’adozione di una legge sulla sicurezza nazionale imposta dalla Cina.

Kwok ha definito il presunto reato di istigazione un crimine grave, ma ha comunque tenuto conto della loro “età e immaturità” quando li ha condannati a un centro di formazione, o una struttura di detenzione per giovani, piuttosto che al carcere.

La durata del soggiorno, limitata a tre anni, è lasciata alle autorità correzionali per decidere.

Il giudice Kwok ha condannato gli imputati a una pena detentiva in un centro di formazione, alternativa alla reclusione per i minori di 21 anni, dove il periodo di detenzione varia da sei mesi a tre anni. Il più giovane aveva appena 15 anni al momento dell’arresto.

Altri due imputati nel caso – Chris Chan, 26 anni, e Choi Wing-kit, 21 – saranno condannati a novembre.

Yuen è stato anche ritenuto colpevole di possesso di dispositivi di telecomunicazione senza licenza, per il quale è stato anche condannato a un centro di addestramento.

“Anche se solo una persona viene incitata da loro, la stabilità sociale di Hong Kong e la sicurezza dei residenti potrebbero essere seriamente minacciate”, ha aggiunto Kwok.

“Non ci sono prove per dimostrare direttamente che qualcuno sia stato incitato dagli imputati a sovvertire il potere statale, ma questo rischio reale esiste”.

Quattro dei cinque sono già in custodia cautelare da più di un anno, con una sola cauzione concessa.

I pubblici ministeri Anthony Chau e Stella Lo hanno detto in precedenza alla corte che gli opuscoli del gruppo menzionavano le rivoluzioni francese e ucraina come esempi di ribellioni armate di successo e citavano Mao Zedong su una rivoluzione come “un atto violento di una classe che rovescia un’altra”.

I pubblici ministeri hanno dettagliato come la polizia abbia sequestrato bandiere, volantini, fucili ad aria compressa, munizioni e manganelli estensibili in un edificio industriale.

Almeno 22 persone legate al gruppo sono state arrestate l’anno scorso. Diversi devono affrontare un’accusa separata di cospirazione per commettere terrorismo ai sensi della legge sulla sicurezza.

Le autorità di Pechino e Hong Kong affermano che la legge sulla sicurezza ha ripristinato la stabilità dell’hub finanziario globale dopo le proteste di massa contro il governo e la democrazia nel 2019.

Gli esperti di diritti umani del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, tuttavia, hanno chiesto l’abrogazione della legge in un rapporto di luglio, tra le preoccupazioni che venga utilizzata per reprimere le libertà fondamentali.

L’articolo Hong Kong. Cinque minori condannati a tre anni di carcere secondo la legge sicurezza di Xi Jinping proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Fratelli d’Italia Lazio: Bloccare nomine EGATO

AgenPress. Bloccare subito le nomine nei Consigli degli EGATO. Non è accettabile che la Sinistra Regionale dimissionaria...

Elezioni Regionali Lazio- Lombardia. Popolo e Libertà: unire il Centro non sovranista

AgenPress. Si è concluso a Modena il convegno nazionale dei ‘Popolari Liberali di ispirazione cristiana nel centrodestra’,...

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...