Nuova Zelanda. 477 balene muoiono spiaggiate. Le carcasse non verranno seppellite o riportate in mare

Date:

Share post:


AgenPress – 477 balene sono morte dopo essersi arenati su due remote spiagge della Nuova Zelanda negli ultimi giorni.

Nessuna delle balene spiaggiate è stata rimessa in mare,  e tutte sono morte naturalmente o sono state soppresse in una perdita “straziante”, ha affermato Daren Grover, direttore generale del Project Jonah, un gruppo senza scopo di lucro che aiuta a salvare le balene.

Le balene si sono spiaggiate sulle isole Chatham, che ospitano circa 600 persone e si trovano a circa 800 chilometri (500 miglia) a est delle isole principali della Nuova Zelanda.

Il Dipartimento per la conservazione ha affermato che 232 balene si sono arenate venerdì a Tupuangi Beach e altre 245 a Waihere Bay lunedì.

La morte arriva due settimane dopo che circa 200 globicefali sono morti in Australia dopo essersi arenati su una remota spiaggia della Tasmania.

“Questi eventi sono situazioni difficili e impegnative”, ha scritto il Dipartimento di Conservazione in un post su Facebook. “Sebbene siano eventi naturali, sono comunque tristi e difficili per coloro che aiutano”.

Grover ha affermato che la posizione remota e la presenza di squali nelle acque circostanti significava che non potevano mobilitare i volontari per cercare di rimettere a galla le balene come hanno fatto in passato in caso di spiaggiamento .

“Non riportiamo attivamente a galla le balene sulle isole Chatham a causa del rischio di attacchi di squali agli esseri umani e alle balene stesse, quindi l’eutanasia è stata l’opzione più gentile”, ha affermato Dave Lundquist, consulente tecnico marino per il dipartimento di conservazione.

Gli spiaggiamenti di massa di globicefali sono ragionevolmente comuni in Nuova Zelanda, specialmente durante i mesi estivi. Gli scienziati non sanno esattamente cosa causi l’incagliamento delle balene, anche se sembra che i loro sistemi di localizzazione possano essere confusi da spiagge sabbiose in leggera pendenza.

Grover ha detto che c’è molto cibo per le balene intorno alle isole Chatham e, mentre nuotano più vicino alla terraferma, si ritroverebbero rapidamente a passare da acque molto profonde a acque poco profonde.

“Fanno affidamento sulla loro ecolocalizzazione e tuttavia non dice loro che stanno finendo l’acqua”, ha detto Grover. “Si avvicinano sempre di più alla riva e si disorientano. La marea può quindi calare da sotto di loro e prima che se ne accorgano, sono arenati sulla spiaggia”.

A causa della posizione remota delle spiagge, le carcasse di balene non verranno seppellite o rimorchiate in mare, come spesso accade, ma verranno lasciate a decomporsi. 

“La natura è un grande riciclatore e tutta l’energia immagazzinata nei corpi di tutte le balene verrà restituita alla natura abbastanza rapidamente”.

L’articolo Nuova Zelanda. 477 balene muoiono spiaggiate. Le carcasse non verranno seppellite o riportate in mare proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Sanità, UGL: “Nei pronto soccorso del Lazio clima da far west. Non restare inermi di fronte alla violenza”

AgenPress. “Quello che si respira all’interno dei Pronto Soccorso degli ospedali del Lazio è un autentico clima...

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...