Cina. Sotto il dominio e repressione di Xi Jinping cancellati i movimenti della società civile, media e libertà

Date:

Share post:


AgenPress – A 10 anni dall’inizio del governo del presidente Xi Jinping , le organizzazioni comunitarie come quella di Charles sono state smantellate e le speranze di una rinascita sono state schiacciate.

Charles è fuggito dalla Cina e molti dei suoi amici attivisti sono in prigione.

“Dopo il 2015, l’intera società civile ha cominciato a crollare ea frammentarsi”, ha detto all’AFP, usando uno pseudonimo per motivi di sicurezza.

Xi Jinping è  sul punto di assicurarsi un terzo mandato di presidente nel paese più popoloso del mondo, in un decennio sono stati cancellati tutti i movimenti della società civile, i media indipendenti emergenti e le libertà accademiche.

Mentre Xi cercava di eliminare qualsiasi minaccia al Partito Comunista, molti lavoratori di organizzazioni non governative, avvocati e attivisti per i diritti umani sono stati minacciati, incarcerati o esiliati.

hk alleanza liu xia liu xiaobo
Foto attivisti detenuti  per aver combattuto per la libertà di espressione

Alcuni attivisti e intellettuali cinesi che hanno descritto il crollo della società civile sotto Xi, anche se alcuni rimangono determinati a continuare a lavorare nonostante i rischi.

Alcuni subiscono molestie da parte degli agenti di sicurezza che li convocano settimanalmente per essere interrogati, mentre altri non possono pubblicare a proprio nome.

“Io e i miei colleghi abbiamo spesso sperimentato interrogatori della durata di oltre 24 ore”, ha detto  un operatore di una ONG per i diritti LGBTQ in condizione di anonimato, aggiungendo che il trauma psicologico causato dai ripetuti interrogatori ha aggravato i suoi guai.

“Siamo diventati sempre più incapaci, indipendentemente dal fatto che sia da un punto di vista finanziario o operativo, o a livello personale”.

“Repressione 709”

Il crollo della società civile cinese è stato un lungo processo pieno di ostacoli per gli attivisti.

Nel 2015, più di 300 avvocati e difensori dei diritti sono stati arrestati in una repressione denominata “709 giro di vite” dopo la data in cui è stata lanciata, il 9 luglio.

Molti avvocati sono rimasti dietro le sbarre o sotto sorveglianza per anni, mentre altri sono stati radiati dall’albo, secondo i gruppi per i diritti umani.

Un altro momento di svolta è stata l’adozione nel 2016 della cosiddetta legge sulle ONG straniere, che imponeva restrizioni e conferiva alla polizia poteri ad ampio raggio sulle ONG estere operanti nel Paese.

“Nel 2014 potremmo srotolare striscioni di protesta, condurre ricerche scientifiche sul campo e collaborare con i media cinesi per denunciare gli abusi ambientali”, ha detto  un lavoratore di una ONG ambientale in condizione di anonimato per paura di rappresaglie.

“Ora dobbiamo denunciare alla polizia prima di fare qualsiasi cosa. Ogni progetto deve essere in collaborazione con un dipartimento governativo che si sente più come un comitato di sorveglianza”.

Tolleranza zero

Il panorama odierno è nettamente diverso anche da pochi anni fa, quando i gruppi della società civile furono in grado di operare nel clima relativamente permissivo iniziato sotto il precedente presidente Hu Jintao.

“Nelle università, diversi gruppi LGBTQ e incentrati sul genere sono nati intorno al 2015”, ha affermato Carl, un membro del gruppo giovanile LGBTQ, anche se ha sentito una “pressione crescente”.

Entro il 2018, la tolleranza zero nei confronti dell’attivismo da parte del governo è arrivata al culmine con le autorità che hanno represso un movimento femminista in erba #MeToo e hanno arrestato dozzine di attiviste studentesche.

“Le attività silenziosamente consentite prima sono state vietate, mentre il lavoro ideologico come i corsi di educazione politica è aumentato”, ha affermato Carl.

Nel luglio 2022, la prestigiosa Università Tsinghua di Pechino ha inviato a due studenti avvisi ufficiali per la distribuzione di bandiere arcobaleno, mentre decine di pagine sui social media di gruppi di studenti LGBTQ sono state bloccate.

Un altro sintomo di regressione è stato un comunicato interno del Partito del 2013 che vietava di sostenere quelli che venivano descritti come valori liberali occidentali, come la democrazia costituzionale e la libertà di stampa. 

“Ha trattato queste ideologie come ostili, mentre negli anni ’80 potevamo discuterne e pubblicare libri su di esse”, ha detto Gao Yu, un giornalista indipendente con sede a Pechino che era in prigione o agli arresti domiciliari tra il 2014 e il 2020 per presunta divulgazione del documento.

“In una società normale, gli intellettuali possono mettere in discussione gli errori del governo. Altrimenti… non è lo stesso dell’era di Mao?” chiese, riferendosi al fondatore della Cina comunista Mao Zedong.

Per molti attivisti una “guerra impossibile da vincere” contro i troll nazionalisti che affermano che tutto il personale delle ONG è “anti-cinese e sottoposto al lavaggio del cervello dall’Occidente”.

“Mi fa sentire come se tutti i miei sforzi fossero stati sprecati”.

Gli amici di Charles, l’avvocato di #MeToo Huang Xueqin e l’attivista sindacale Wang Jianbing, sono stati detenuti senza processo per oltre un anno con l’accusa di sovversione.

Crede che le autorità considerassero i loro raduni di giovani attivisti una minaccia e che la soglia per l’azione penale si stia abbassando.

“Il governo ora prende di mira le persone che fanno attivismo su piccola scala, sottile e di basso profilo”, ha affermato. “Si sono assicurati che non ci fosse una nuova generazione di attivisti”.

L’articolo Cina. Sotto il dominio e repressione di Xi Jinping cancellati i movimenti della società civile, media e libertà proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Sanità, UGL: “Nei pronto soccorso del Lazio clima da far west. Non restare inermi di fronte alla violenza”

AgenPress. “Quello che si respira all’interno dei Pronto Soccorso degli ospedali del Lazio è un autentico clima...

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...