Sopravvissuti delle Ande. “Facemmo un patto, se uno di noi fosse morto, gli altri lo avrebbero mangiato”

Date:

Share post:


AgenPress – I sopravvissuti a un incidente aereo sulle Ande nel 1972 si sono riuniti per raccontare la loro storia sensazionale dopo essere stati costretti a ricorrere al cannibalismo per sopravvivere.

I 16 sopravvissuti al volo uruguaiano 571, che avrebbe dovuto portare una squadra di giocatori di rugby dilettanti e i loro sostenitori in Cile, si sono riuniti per commemorare il 50° anniversario della loro orribile prova, ricordata come il Miracolo delle Ande. 

La loro storia è stata immortalata nel libro più venduto, Alive: The Story of the Andes Survivors, di Piers Paul Read, che è stato successivamente adattato in un film nel 1993.

Parlando al Sunday Times di Londra , Carlos Paez ha detto che era dovere dei sopravvissuti viaggiare per il mondo e condividere la loro storia dei 72 giorni trascorsi sulle gelide montagne, costretti a mangiare i cadaveri dei loro amici.

“Ho percorso sei milioni di miglia con American Airlines”, ha detto, notando la sua mancanza di paura di volare. “Sono condannato a raccontare questa storia per sempre, proprio come i Beatles devono cantare sempre ieri”.

 Quarantacinque persone salirono a bordo dell’aereo sfortunato il 13 ottobre 1972, inclusa la squadra di rugby dell’Old Christians Club di Montevideo ei suoi sostenitori. 

Durante il volo, le autorità hanno detto che il pilota ha virato fuori rotta in una fitta nebbia prima di schiantarsi contro le montagne innevate delle Ande. 

Dodici dei passeggeri sono rimasti uccisi nello schianto, con altri 17 morti per ferite e soffocamento a causa di una valanga avvenuta giorni dopo. 

Ramon Sabella, 70 anni, un uomo d’affari di successo, ha notato che teneva in braccio uno dei passeggeri morenti mentre passava. 

Dopo 10 giorni, i sopravvissuti hanno appreso da una radio a bordo che la ricerca per loro era stata sospesa. 

Ha ricordato la scelta estenuante fatta dai 16 sopravvissuti quando Roberto Canessa, uno studente di medicina, suggerì di mangiare i corpi del defunto affinché il resto di loro sopravvivesse. 

“Naturalmente, l’idea di mangiare carne umana era terribile, ripugnante”, ha detto Sabella al Times. “È stato difficile metterti in bocca. Ma ci siamo abituati”.

“In un certo senso, i nostri amici sono stati tra i primi donatori di organi al mondo: ci hanno aiutato a nutrirci e ci hanno tenuti in vita”. 

Paez ha detto che non c’era altra opzione per i giovani sopravvissuti, notando per i morbosamente curiosi che la carne umana “non sa di niente, davvero”. 

Canessa, che ha condiviso la sua storia con DailyMail.com nel 2016 , ha detto che la decisione che hanno preso è stata particolarmente triste perché i corpi appartenevano ai loro compagni di squadra e amici. 

“Il mio unico problema era che questi erano i corpi dei miei amici”, ha detto. “Dovevo andare dalle loro famiglie più tardi per spiegare.” 

Canessa, che ha usato il vetro per tagliare la carne, ha detto di essersi consolato sapendo che sarebbe stato bene se gli altri avessero usato il suo corpo per nutrirli se fosse morto invece.

Sabella ha notato che il sentimento era condiviso dagli altri sopravvissuti, che hanno fatto un patto che chi è sopravvissuto potesse mangiare quelli che morivano a causa dell’esposizione. 

“Ci siamo promessi l’un l’altro che se uno di noi fosse morto, gli altri sarebbero stati obbligati a mangiare i loro corpi”.

Dopo quasi due mesi in montagna, i sopravvissuti avevano perso ogni speranza di essere salvati, così Canessa e Fernando Parrado decisero di andare a cercare aiuto. 

Riempiendo i loro calzini da rugby con carne umana, i due si sono lentamente arrampicati per circa tre miglia giù per la montagna, esaurendoli durante il viaggio di dieci giorni. 

Antonio Vizitin si era inizialmente unito agli uomini nella ricerca di aiuto, ma è stato costretto a tornare perché stavano finendo il cibo per sfamare tre persone.  

Quando si sono imbattuti in un fiume in piena che ha interrotto la loro ricerca di aiuto, Canessa e Parrado hanno individuato Sergio Catalán, un pastore cileno, dall’altra parte che non poteva sentirli dall’acqua. 

Il pastore tornò il giorno successivo, lanciando un sasso con penna e matita per i sopravvissuti, che gli spiegarono la situazione. 

Il pastore si alzò di 100 miglia per allertare le autorità dei sopravvissuti. 

Presto fu condotto un salvataggio in elicottero di più giorni, salvando il resto dei sopravvissuti, molti dei quali avevano perso metà del loro peso corporeo. 

“Ci hanno portato in ospedale a Santiago”, ha detto Sabella al Sunday Times. “Ricordo la gioia di quel primo bagno caldo.”

Sebbene l’incidente li perseguiti ancora, molti dei sopravvissuti hanno cercato di ottenere il massimo dal loro miracoloso salvataggio. 

I sopravvissuti sono elencati come Roberto Canessa, Fernando Parrado, Carlos Rodriguez, Jose Algorta, Alfredo Delgado, Daniel Fernandez, Roberto Francios, Roy Harley, Jose Inciarte, Alvaro Mangino, Javier Methol, Ramon Sabella, Adolfo Strauch, Eduardo Strauch, Antonio Vizintia e Gustavo Zerbino.  

Paez, ora nonno di cinque figli, viaggia per il mondo come oratore motivazionale condividendo la sua storia. 

Roy Harley ha continuato a diventare un ingegnere e ora è in pensione all’età di 70 anni. 

Gustavo Zerbino ha usato la sua esperienza per rafforzare la scena del rugby dell’Uruguay, raccogliendo abbastanza nuovi membri per far rivivere la squadra e vincere 12 campionati uruguaiani in 14 anni. È accreditato per la prima vittoria di rugby del suo paese contro il Cile. 

Canessa è una illustre cardiologa pediatrica che ha vinto una borsa di studio del British Council per studiare al Guy’s Hospital nel Regno Unito. 

“Dio è stato molto gentile con me”, ha detto al Times, aggiungendo che vede nei suoi pazienti la stessa voglia di vivere che ha sperimentato in montagna. 

“Dico loro che dobbiamo scalare le montagne e io sarò la tua guida.” 

L’articolo Sopravvissuti delle Ande. “Facemmo un patto, se uno di noi fosse morto, gli altri lo avrebbero mangiato” proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...

Anzio. Grave incidente nella notte. Auto si schianta contro un albero: morte due ragazze di 21 e 22 anni

AgenPress – Due ragazze, entrambe ventenni, sono morte in un incidente stradale avvenuto questa notte ad Anzio,...

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...