Ucraina. La Russia ha inviato all’Iran alcune armi fornite dagli Stati Uniti per decodificarle

Date:

Share post:


 AgenPress – La Russia ha prelevato alcune delle armi e delle attrezzature fornite dagli Stati Uniti e dalla NATO lasciate sul campo di battaglia in Ucraina e le ha inviate in Iran , dove gli Stati Uniti ritengono che Teheran proverà a decodificare i sistemi, hanno detto alla CNN quattro fonti vicine alla questione.

Nell’ultimo anno, gli Stati Uniti, la NATO e altri funzionari occidentali hanno assistito a diversi casi in cui le forze russe hanno sequestrato attrezzature per armi più piccole, a spalla, tra cui sistemi anticarro Javelin e sistemi antiaerei Stinger che le forze ucraine sono state a volte costrette a lasciarsi alle spalle il campo di battaglia.

In molti di questi casi, la Russia ha poi inviato l’attrezzatura in Iran per smantellare e analizzare, probabilmente in modo che l’esercito iraniano possa tentare di creare la propria versione delle armi, hanno detto fonti. La Russia ritiene che continuare a fornire armi occidentali catturate all’Iran incentiverà Teheran a mantenere il suo sostegno alla guerra della Russia in Ucraina, hanno affermato le fonti.

I funzionari statunitensi non credono che il problema sia diffuso o sistematico, e l’esercito ucraino ha preso l’abitudine dall’inizio della guerra di riferire al Pentagono qualsiasi perdita di equipaggiamento fornito dagli Stati Uniti alle forze russe, hanno detto i funzionari. Tuttavia, i funzionari statunitensi riconoscono che il problema è difficile da tracciare.

Non è chiaro se l’Iran sia riuscito a decodificare con successo le armi statunitensi prese in Ucraina, ma Teheran si è dimostrata molto abile nello sviluppo di sistemi d’arma basati su attrezzature statunitensi sequestrate in passato.

Un’arma chiave nell’inventario dell’Iran, il missile guidato anticarro Toophan, è stata decodificata dal missile americano BGM-71 TOW negli anni ’70. Gli iraniani hanno anche intercettato un drone di fabbricazione statunitense nel 2011, un Lockheed Martin RQ-170 “Sentinel”, e lo hanno decodificato per creare un nuovo drone che ha attraversato lo spazio aereo israeliano nel 2018 prima di essere abbattuto.

“L’Iran ha dimostrato la capacità di decodificare le armi statunitensi in passato”, ha affermato Jonathan Lord, membro anziano e direttore del programma di sicurezza per il Medio Oriente presso il Center for a New American Security. “Hanno decodificato il missile guidato anticarro TOW, creando una replica quasi perfetta che hanno chiamato Toophan, e da allora l’hanno diffuso tra gli Houthi e gli Hezbollah. L’Iran potrebbe fare lo stesso con uno Stinger, che potrebbe minacciare l’aviazione civile e militare in tutta la regione. Un giavellotto retroingegnerizzato potrebbe essere usato da Hamas o Hezbollah per minacciare un carro armato israeliano Merkava. Nelle mani dei delegati dell’Iran, queste armi rappresentano una vera minaccia per le forze militari convenzionali di Israele”.

L’articolo Ucraina. La Russia ha inviato all’Iran alcune armi fornite dagli Stati Uniti per decodificarle proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

AQUAE! World Water Day 2023

Presentato oggi a Roma il rapporto Onu «Accelerating Cooperation and Partnership on Water» AgenPress. “Per tutelare e gestire...

ATAC, sito internet e biglietterie off line per attacco cyber

AgenPress. Dalle prime ore di questa mattina il sito internet di ATAC risulta non raggiungibile per problemi...

Roma. In fiamme 22 scuolabus su via Ostiense e 16 auto in un parcheggio delle Poste. Matrice anarchica

AgenPress – Sedici auto di Poste Italiane date alle fiamme nel cuore della notte a Colle Aniene....

206° anniversario di fondazione della Polizia Penitenziaria a Roma

AgenPress. Mercoledì 22 marzo, alle ore 16, sulla Terrazza del Pincio a Roma, cerimonia per il 206°...