HomeBreaking newsLa Croce Rossa bielorussa afferma di aver aiutato a deportare i bambini...

La Croce Rossa bielorussa afferma di aver aiutato a deportare i bambini ucraini dalle aree occupate dalla Russia alla Bielorussia

Autore

Data

Categoria


AgenPress – Il capo della Croce Rossa bielorussa ha scatenato una protesta internazionale con il suo annuncio che l’organizzazione è coinvolta nel trasferimento di bambini ucraini dalle aree occupate dalla Russia alla Bielorussia, una dura ammissione che potenzialmente potrebbe rendere il gruppo complice di quello che l’Ucraina definisce un crimine di guerra .

Dzmitry Shautsou, il capo della sezione bielorussa della Croce Rossa, ha dichiarato in un’intervista al canale televisivo di stato Belarus 1 che l’organizzazione stava portando bambini ucraini in Bielorussia per la “riabilitazione”, secondo un rapporto sull’intervista dell’indipendente Belsat TV.

“Quando hanno accusato la Repubblica di Bielorussia di aver rapito bambini che vengono da noi per la riabilitazione – francamente, la Croce Rossa bielorussa è stata, è e sarà attivamente coinvolta in questo”, ha detto Shautsou.

Ma la dichiarazione di Shautsou è stata la prima volta che la Croce Rossa bielorussa ha ammesso di aver preso parte alle deportazioni. La Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC), l’organizzazione ombrello della Croce Rossa, ha espresso “grave preoccupazione” e ha chiesto che la pratica venga interrotta.

In base agli accordi internazionali, compreso lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale, la deportazione di una popolazione civile è considerata un crimine di guerra e il trasferimento forzato di bambini di un gruppo a un altro equivale a genocidio.

Non è chiaro quanti bambini ucraini siano stati deportati in Russia o in Bielorussia dall’inizio della guerra. I numeri ufficiali del governo ucraino mostrano che quasi 20.000 persone sono state deportate o sfollate con la forza e 1.000 sono disperse, ma il governo afferma che i numeri potrebbero essere molto più alti.

Shautsou ha descritto i bambini come venuti in Bielorussia “per riposarsi”, aggiungendo: “Cerchiamo di fare di tutto per farli sentire a casa. In modo che non avrebbero bisogno di nulla. E, cosa più importante, erano circondati dall’amore.

Il rapporto Bielorussia 1 ha mostrato che Shautsou ha visitato le aree occupate dalla Russia nell’Ucraina orientale, comprese le città di Severodonetsk e Lysychansk, mentre indossava abiti militari decorati con la lettera Z, secondo Belsat TV. La lettera è diventata un simbolo a favore della guerra dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il viaggio e l’ammissione di Shautsou hanno portato a feroci critiche da parte dell’Ucraina e della comunità internazionale.

“Le circostanze straordinarie di questa visita, compreso l’uso di un simbolo associato a una delle parti del conflitto armato internazionale in Ucraina, implicano i principi fondamentali del Movimento internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa”, ha affermato l’IFRC in una nota, aggiungendo di aver deferito il caso al suo comitato investigativo indipendente.

“Abbiamo contattato la Croce Rossa bielorussa per esprimere la nostra grave preoccupazione e per interrompere qualsiasi attività simile in futuro”, afferma la dichiarazione, aggiungendo che “le azioni da parte di qualsiasi delle nostre società nazionali di Croce Rossa o Mezzaluna Rossa in contraddizione con la nostra missione umanitaria” sono “prese estremamente sul serio”.



Source link

Consigliati da Agenpress